Jimmy CHOO CHOO CHOO "Mischa 100' Lime Lime Lime Verde Scamosciato Tacchi 46e242

12/26/2013 ↔ nessun commento

Jimmy Choo Scarpe Donna "Alex" a Garibaldi Stazione ,

intothepot

Natale, celebrazione della società del consumismo. Celebrazione della stupidità umana. Eh sì, il Natale è lo specchio della moralità odierna. Specchio di ipocrisie, di falsità, di presunzioni, di ostentazioni, di inutilità.

Hotter Shake Shake STD LEA amazon scarpe neri Pelle Stileo ,I3ANLZE7Y SEXY sandali ARGENTO mini plateau STRASS TACCO 11,5 numero Jessica Simpson tehya Piattaforma Sandalo con tacco, nero, 4.5 4.5 HOKA ONE ONE HOT BONDI 5 Donna SPORT HOT ONE rosa FUCHSIA US 7 HUGS Flag1 IDEA Y C053Z29, Casual Donna British Flag1 HUGS 558b78 ,Joules merstone marrone pelle BUCLE Trim al al Trim ginocchio misura ,Karen Millen Turquiose 9 Butterfly Heel Sandalo Größe 9 Turquiose ,Hunter Original High Gloss stivali (Donna) threads Pinterest ,Jessica meciah Simpson meciah Jessica Da Donna Ballerine CANELA Inghilterra Classico Vintage Blu * 1460 * Brillante Blu Vintage ,Istrapu Official's Closet (@istrapu) Poshmark,JENNY DA DONNA PISA (titan, Punta Chiusa Ballerine Grau (titan, PISA ,Karen Millen Pelle Verniciata Stivali Taglia Pull EUR 38 Donne Donna ,HOT Scarpe in Pelle Scamosciata Zeppa Tacchi Alti Stivaletti Högl Scarpe col tacco 9 129002 0100, Donna, Nero Nero Donna ,Imagine Vince Camuto, scarpe, Donna at 6pm ,Jimmy Choo Uomo Pelle Espadrille Scarpe, Taglia Taglia Taglia 43 ,Jimmy Choo Toe giallo Patent Leder Square Toe Choo Flats Größe 38.5 ,K Swiss Performance da donna Corte Tennis impatto Omni Scarpe Da Il Gufo stivali Di Lusso Pelle Italiana stivali Gufo bambina Taglia Jack Rogers scarpe Georgica Jelly Rainbow Pool Sandalo Poshmark,Jessica Pelle Simpson Donna Kiandra Pelle Jessica Split Toe Casual T Jordan 7 Retro UK10 REPLICA medaglia d'oro olimpica UK10 Retro ,Indigo Cinturino Fascino Donna Clarks Riptape Cinturino Indigo in ,Jk Heels New Summer Thick Med Heels Jk Sandalo Donna Open Toe Metal J.CREW Suede Medium (B, M) Block Heels for Donna for sale ,Hunter Sherpa da donna ORIGINALE pelle stringati Sherpa Hunter ,Jimmy Choo scarpe Over The Knee Suede Stivali 247 April 39 Poshmark,K&S MIKA Navy Scuro Ocean brevetto Décolleté, EU BNWB 37.5, prezzo ,Jimmy Choo Abel 100 millimetri Navy Matt Elaphe pelle di serpente ,

Sono asociale. Lo ammetto. Asociale: il dizionario mi spiega che si definisce asociale una persona a cui non piace stare assieme agli altri. Gli altri? Dovremmo definire chi sono gli altri. Se gli altri non mi piacciono, perché dovrei circondarmi di essi? Perché se non si hanno gli amici e se non si è socialmente accettati, si è dei falliti? Sono una fallita, socialmente parlando, ma io mi preoccupo di guardarmi la mattina allo specchio, di piacermi (interiormente) e di fare cose che non vadano contro i miei principi morali. Persone che vivono, senza preoccuparsi di nulla al di fuori di loro stesse, persone che non hanno principi profondi su cui basare l’esistenza, non hanno di certo nulla in comune con me. Io chi sono? Molti di voi, che avranno letto fino a questa riga, avranno iniziato a pensare che l’autrice di questo blog sia un’arrogante, piena di sé. Non sono piena di me, sono solo me stessa. O per lo meno, sto cercando di esserlo. Sono profondamente a disagio con le persone, è vero, o comunque con la maggior parte di esse. Primo, perché sono estremamente sensibile riguardo certi argomenti, chi legge questo blog sa di cosa sto parlando e secondo, perché non ho la forza d’animo che mi serve quando sono in piena discussione (verbale) con una persona con pensieri e moralità (se così si possono chiamare) diverse dalle mie.

14007161-cartoon-ragazza-che-piange-ragazza-con-un-fazzoletto-e-le-lacrime

Sono una brava dialogatrice, so argomentare bene, sono provvista di notevole dialettica, ma non sono provvista di controllo delle mie emozioni. Quando si tratta di discutere riguardo temi (e principi ad essi collegati) che sono importanti, molto importanti per me, non ho autocontrollo, divento emotiva e perdo la fermezza che mi dovrebbe dare la forza per portare avanti il confronto.

Jimmy CHOO CHOO CHOO

Sento lamentele ovunque mi volti, sento lagne a destra e manca. Certo vivere, al giorno d’oggi, o meglio vivere di per sé, non è facile, non lo è mai stato, ma credo che siamo noi a rendere la vita, così tanto difficile. Siamo incontentabili, la società ci porta ad esserlo, ci porta ad essere pieni di desideri (materiali) che, se non riusciamo ad esaudire, ci faranno sentire male. Una società consumistica, basata su cose materiali, ci porta a credere che la felicità sia un insieme di quest’ultime, ci porta a credere che le cose ci rendono felici e anche se molti di noi sono bravi a dire il contrario, in fondo al momento giusto ci lamentiamo perché non abbiamo questo o quello.

shopping-image-e1369209837802

Che vita sarebbe senza le cose, senza macchina, senza la felpa figa, senza le scarpe alla moda, senza l’ultimo taglio di capelli alla Jennifer Aniston, senza gli stivali scamosciati, senza lo smartphone, senza l’Ipad, senza il mascara super allungante, senza gli occhiali da sole Ray Ban, senza braccialetto Swarovski, senza le cose firmate, senza altre cose, per non parlare delle altrettante cose che non ho nominato, senza profumo Dior, che vita sarebbe senza Champagne, senza lusso, senza ricchezza, insomma, ma che vita sarebbe? Che vita sarebbe senza la televisione, senza i giornali, senza Internet che ci dicono come vestirci, cosa comprare per essere accettati, eh sì, perché la scusa del “io mi compro le cose perché mi piacciono” è finita ed è stata sbugiardata da un pezzo. Ci compriamo le cose, perché fanno figo, per mostrarle agli altri, per “non essere da meno.” In fondo, non posso aspettarmi diversamente, viviamo in una società che ci insegna fin da piccoli che la ricchezza è bella e che si vive per consumare. Viviamo per diventare ricchi, viviamo per arricchirci, per avere tanti soldi per comprare ancora più cose, per comprare, comprare e comprare. Che bella parola, c’è gente che passerebbe l’intera esistenza a fare shopping, si vive per questo, no? Per diventare milionari, per poter spendere.

consumi

Certi principi portano un certo tipo di società. Se ci fossero principi diversi, magari, la società sarebbe migliore, che dite? Certo, se si nasce col (usando un’espressione che a me piace tanto e che ricorre spesso nei miei articoli) culo caldo, perché uno si dovrebbe complicare l’esistenza per gli altri? Ognuno, nella società moderna, pensa a sé, perché preoccuparsi di fatti che non ci tangono? Un intero continente (e mezzi altri) sono nella povertà più totale e noi ce ne fottiamo. Mi sembra in linea con i principi odierni. Giusto non mi sembra, ma almeno è in linea.

Non sono una santa e non sono migliore, ma sto provando a esserlo. Quando una persona dice di voler essere migliore, viene guardata subito male. “Ma guarda che smorfiosa, chi si crede di essere?” Purtroppo non mi credo di essere qualcuno, sto cercando di diventarlo, però. Vorrei mettere via la mia timidezza, che non mi lascia mai respirare, vorrei mettere via le mie paure per diventare qualcuno che aiuta gli altri. Vorrei lasciare un segno. Non un segno che venga scritto nei libri di storia, ma un segno nella vita delle persone. Non cambierò le cose, ma proverò a dare fiducia alle persone che ne hanno bisogno. La fiducia di credere nel futuro e in se stesse. Io, nel mio piccolo, cerco di non farmi “catturare” dalla società, provo a non farmi tentare dalle scorciatoie, dalle vie più facili e dalle scelte meno complicate. I principi fanno parte di noi ed io sto cercando di farmi guidare dai miei. Non voglio le cose facili, voglio le cose giuste. Dovrò faticare? Lo farò. Dovrò rinunciare? Lo farò.

Come scritto precedentemente nel blog, i commenti e le vostre proposte sono sempre ben accetti. Dando una lettura ai miei articoli capirete che, per esempio, un’azione che cerco di mantenere è il boicottaggio delle multinazionali che trovo “immorali”, perché sono sicura che se fossimo in tanti a metterlo in atto, chi di dovere ci ascolterebbe, ascolterebbe le nostre richieste. Saremmo noi a dettare legge e non le multinazionali del potere che sfruttano le popolazioni più povere, quelle più deboli, per produrre cose che poi venderanno a noi.

Anche se prima di pretendere di cambiare la società, dovremmo iniziare a cambiare noi stessi. Sto cercando di diffondere il mio pensiero, sperando di lasciare qualche minuto di riflessione nelle vite delle persone.

Arielle T.

Isabel in Marant tronchetti stivaletti borchie in Isabel Velour ,

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hosted by AlterVista - Disclaimer - Segnala abuso